Importare le Nuvole di Punti in BricsCAD

Benvenuto in questa trilogia di articoli dedicati alle Nuvole di Punti in BricsCAD.
Grazie a questi articoli, avrai modo di scoprire ed imparare tutto ciò che ti serve per importare, gestire, visualizzare e ottenere piante 2D o modelli 3D BIM dalla tua Nuvola di Punti in BricsCAD.
Ciascun articolo è completo di Video Tutorial che ti spiegheranno passo-passo gli argomenti trattati.

In questo primo articolo della trilogia avrai modo di imparare ad importare una Nuvola di Punti e come effettuare le prime impostazioni per visualizzarla al meglio.
Nel secondo articolo avrai modo di approfondire le tipologie di visualizzazione ed in particolare come sfruttare le nuove “Bubble views”, o semplicemente “Bolle di visualizzazione”.
Infine, nel terzo articolo, come ottenere automaticamente piante 2D, immagini raster o un modello 3D BIM direttamente dalla Nuvola di Punti grazie a potenti comandi introdotti in BricsCAD BIM V21. Il lavoro di sviluppo “Scan-To-BIM” in BricsCAD è in continua evoluzione per ottenere velocemente un modello 3D BIM dal rilievo.

Inizio subito con il descriverti i passaggi per importare una Nuvola di Punti in BricsCAD e le prime indicazioni per un’ottimale visualizzazione.
Prima di passare ad elencarti la serie di passaggi pratici, ti vorrei dare alcune nozioni teoriche preliminari per comprendere velocemente il flusso della loro gestione.

Nozioni preliminari per importare le Nuvole di Punti

In BricsCAD è semplice importare una Nuvola di Punti in quanto è sufficiente avviare un unico comando “Attacca Nuvola di Punti” (ATTACCANUVPUNTI), selezionare il file o la cartella dell’entità Nuvola desiderata e far così avviare il processo di elaborazione in background.

Nota 1: se hai alcuni file da rilievo della Nuvola di Punti, ti consiglio di scegliere l’opzione da “file” e selezionare tutti i file (e non uno alla volta). In questo modo, una volta importata la Nuvola, quest’ultima sarà un unico oggetto (e non “n” oggetti entità Nuvola).

Questa elaborazione occorrerà effettuarla solo la prima volta ed impiegherà qualche minuto a seconda della dimensione della Nuvola di Punti. BricsCAD creerà una cache di elaborazione, grazie alla quale ogni qualvolta si aprirà o si inserirà la Nuvola già elaborata in un altro file dwg, questo avverrà istantaneamente.

Nota 2: se hai bisogno di utilizzare una determinata Cartella per le Cache delle tue nuvole di punti, puoi tranquillamente inserire il percorso a quella cartella alla variabile PointCloudCacheFolder delle impostazioni (vedremo in seguito come questa sarà utile nella condivisione delle Nuvole). Per determinare, invece, la quantità di disco che può essere destinata alla Cache delle Nuvole, utilizza la variabile PointCloudCacheSize.

Le Nuvole di punti già correttamente elaborate e presenti nella cache, possono successivamente essere gestite con 2 comandi:

1. Comando: RIFERIMENTONUVPUNTI

Apre una finestra di dialogo (visualizzata nella seguente immagine) per consentire di selezionare un gruppo di dati dalla cache e attaccarlo ad un file .dwg

La finestra di dialogo RIFERIMENTONUVPUNTI
La finestra di dialogo RIFERIMENTONUVPUNTI mostra una panoramica di tutti i gruppi di dati memorizzati nella cache, le loro dimensioni, la dimensione totale della cache utilizzata e la dimensione massima della cache disponibile. Quando si seleziona un elemento e si fa clic su OK, viene attaccato al file .dwg corrente.

2. Comando: ELIMINAELEMENTONUVPUNTI

Apre una finestra di dialogo quasi identica, ma questa volta consente di selezionare un gruppo di dati dalla cache per eliminarlo dal disco.

È possibile modificare la posizione della cartella utilizzata per la cache e le sue dimensioni massime nelle Impostazioni. Per far ciò vai sulla Barra dei Menu > Impostazioni > Impostazioni> Opzioni programma> Impostazioni Nuvola di Punti, oppure digitare semplicemente il comando IMPOSTAZIONI sulla barra dei comandi.
Ti consiglio di personalizzare il percorso della cartella della cache in modo che sia facilmente raggiungibile (ad es. creando una sottocartella nel desktop); in questo modo sarà possibile condividere la stessa cache tra più versioni di BricsCAD installate nello stesso pc.

Ricordati, che puoi ampliare la dimensione massima della cache su disco intervenendo con la variabile POINTCLOUDCACHESIZE

Come attaccare un file Nuvola di Punti a un file .dwg

Premetto che i formati delle Nuvole di Punti attualmente supportati da BricsCAD sono .e57, .ptx, .pts, .las, .rcp o .rcs

Di seguito la procedura passo-passo che ti consentirà di inserire facilmente la tua Nuvola di Punti nel tuo disegno dwg:

  1. Apri un nuovo file .dwg, accertati che l’unità di misura del file corrisponda a quella della Nuvola di Punti, solitamente ‘Metri’ (menu impostazioni > impostazioni > digitare “unità” nel campo di ricerca).
Controlla l'unità di misura del tuo file
Controlla l’unità di misura del tuo file
  1. Salva il file in una cartella.
  2. Nel pannello Proprietà, cambia lo stile di visualizzazione da ‘2dWireframe’ a ‘Modellazione’ o qualsiasi altro stile di visualizzazione 3D.
  3. Ora avvia il comando Attacca Nuvola di Punti (ATTACCANUVPUNTI) e seleziona il file .e57 / .ptx / .pts / .las / .rcp o .rcs della Nuvola di Punti (oppure più Nuvole contemporaneamente) che vuoi inserire nel disegno.
  4. Fornisci un’unità: solitamente va bene quella di default ‘Metri’, quindi conferma con un invio.
  5. Nella finestra di dialogo che compare, spunta o meno a tuo piacimento le opzioni di Inserimento/Scala/Rotazione e clicca su OK. Io solitamente non spunto nulla e premo semplicemente OK.
Opzioni di inserimento nuvola di punti
Opzioni di inserimento Nuvola di Punti
  1. Un fumetto di notifica in basso a destra ti avviserà che è cominciata l’elaborazione della Nuvola di Punti in background mentre una barra di avanzamento nella parte inferiore dello schermo ti darà evidenza sullo stato di avanzamento.
  2. Il processo di pre-elaborazione potrebbe richiedere qualche minuto, come più di mezz’ora a seconda della dimensione della Nuvola di Punti. Nel mentre potrai continuare ad usare BricsCAD per altro, un nuovo messaggio di notifica ti avviserà quando la pre-elaborazione è terminata.
  3. Ora con un semplice rigenera (RIGEN) ed un zoom estensione, ecco che verrà visualizzata la Nuvola di Punti appena inserita!
In questo video imparerai ad inserire una Nuvola di Punti in BricsCAD

Modalità di visualizzazione di una Nuvola di Punti

Se in prima battuta il risultato di visualizzazione della tua Nuvola non è ottimale, ecco una serie di suggerimenti per delle veloci personalizzazioni. Le variabili possono essere impostate direttamente dalla barra dei comandi o dalla finestra di dialogo delle Impostazioni:

  1. Aumenta il numero di punti visualizzabili agendo sulla variabile POINTCLOUDPOINTMAX (numero massimo 20.000.000)
  2. Come impostazione predefinita, la dimensione dei punti è automaticamente adattata in base alla densità dei punti, per dare l’impressione che una superficie solida sia piena senza spazi vuoti. Se non ti piace questa modalità di visualizzazione, oppure visualizzi dei punti troppo grandi puoi disattivarla digitando la variabile POINTCLOUDADAPTIVEDISPLAY e impostandola su “0” in questo modo la dimensione dei punti sarà unica e fissa per tutti i punti.
  3. Agendo sulla variabile POINTCLOUDPOINTSIZE è possibile aumentare o diminuire le dimensioni dei pixel dei singoli punti della Nuvola di Punti.
Imposta a tuo piacimento come visualizzare la tua Nuvola di Punti: in questo video vengono descritte le varie possibilità di personalizzazione.

Come condividere un file .dwg, con i dati della Nuvola di Punti attaccati, con un altro utente

Come scritto più volte qui sopra, l’attaccamento di una Nuvola di Punti ad un file dwg avvia un’operazione di pre-elaborazione che richiede molto tempo per generare una cache molto utile successivamente per gestire o inserire rapidamente le nuvole di punti in altri file dwg.

Tale pre-elaborazione viene avviata automaticamente solo se nel percorso della cache non sono già presenti i dati pre-elaborati della Nuvola di Punti, in questo caso infatti la Nuvola di Punti viene inserita quasi istantaneamente.

Poichè la pre-elaborazione dei dati, per la generazione della cache, richiede molto tempo, potresti voler inviare, all’altro utente, i dati già pre-elaborati. Ecco i passaggi da effettuare in questo caso:

Elenco passaggi:

  1. Cerca la variabile PointCloudCacheFolder nelle Impostazioni per capire dove viene memorizzata la cache delle tue Nuvola di Punti; il percorso predefinito di questa cartella è simile a C:\Users\**nomeutente**\AppData\Roaming\Bricsys\BricsCAD\Vxxx64\it_IT\PointCloudCache
  2. Accedi a questa cartella ed individua la sotto cartella codificata contenente la pre-elaborazione della tua Nuvola di Punti. Il nome di questa cartella potrebbe essere simile a {f3daa163-a14c-42be-aadf-9d61dd72ced7}.
  3. Fai il copia-incolla di questa cartella ad es. nel Desktop e rinominala a piacimento.
  4. Poiché tale cartella conterrà molto probabilmente giga e giga di dati ti consiglio di compattarla in un unico file ZIP da inviare all’altro utente.
  5. L’altro utente dovrà semplicemente decomprimere il file ZIP nel suo pc, aprire BricsCAD ed avviare il comando IMPORTANUVPUNTI; questo comando importerà la cache nella cartella corretta (ti ricordi la variabile PointCloudCacheFolder ?)
    Nota: non copiare la cartella direttamente in questo percorso in quanto non funziona, anzi potrebbe creare problemi; accertati di utilizzare il comando IMPORTANUVPUNTI per questa operazione.
  6. A questo punto sarà sufficiente avviare il comando RIFERIMENTONUVPUNTI per inserire la Nuvola di Punti nel disegno, verrà inserita in un’istante!

La trilogia di articoli dedicati alle Nuvole di Punti in BricsCAD

  1. Importare le Nuvole di Punti in BricsCAD
  2. Allineare, Ritagliare e Modalità di Visualizzazione di una Nuvola di Punti in BricsCAD (vai all’articolo)
  3. L’evoluzione Scan-to-BIM, dalla Nuvola di Punti al BIM in BricsCAD BIM (vai all’articolo)

Pronto a importare le Nuvole di Punti in BricsCAD?

BricsCAD è il CAD dwg che porta il tuo livello di
progettazione ad un livello superiore.
Tipologie di licenze Singole | Volumi | Network
Disponibilità di acquisto a noleggio oppure in licenza perenne.
In dotazione sulle principali piattaforme Windows | Mac | Linux

Prova oggi BricsCAD gratuitamente per 30 giorni

Scarica la Trial di BricsCAD

Articolo scritto da Alessio Semenzato (EmiCAD)

Condividi articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *